COMMUNITY ROTARY PER LA SOSTENIBILITÀ
Sono aperte le iscrizioni

TECNOLOGIA, UMANESIMO E CULTURA

DA WE ARE THE MAKERS A DIVENTIAMO TUTTI MAKERS – STEP 2 FASE 1

Siamo arrivati all’appuntamento della prima fase del secondo Step del progetto Da We are the Makers a Diventiamo tutti Makers

Se vi è sfuggita la prima fase potete leggere e scaricare il Manuale 1 qui e i relativi Materiali qui e il calendario degli appuntamenti che potete scaricare qui.

L’obiettivo del progetto è quello di dimostrare come l’Internet of Things, la stampa 3D e gli oggetti interattivi possano diventare i protagonisti di scenari di apprendimento.

Scuola di Robotica mette a disposizione i materiali che possano guidare nelle attività con la classe, individuando fra le attività quelle più facilmente realizzabili e in linea con le esigenze della Scuola Italiana e fornendo tutto il supporto per accompagnare in questa esperienza le scuole.

Nel secondo step ci occuperemo di attività educative basate sulla programmazione con Scratch e dell’utilizzo di Internet of Things nei percorsi didattici.

L’educazione deve preparare alla vita. Per farlo in maniera efficace, deve riprodurre, come una sorta di laboratorio, le condizioni esterne, la società di cui fa parte, proponendo le competenze richieste dal mondo del lavoro. Anche per questo è impensabile, oggi, non integrare le nuove tecnologie nell’aula. Attraverso pratiche di learning by doing è possibile fare esperienza dei problemi reali, servendosi della robotica e della programmazione.

Utilizzando i materiali del percorso “Da We Are The Makers a Diventiamo Tutti Makers” vedremo come la robotica educativa può essere utilizzata come strumento a supporto della costruzione della conoscenza degli studenti, progettando e programmando sia nel mondo virtuale che in quello reale, affrontando difficoltà di apprendimento e problemi reali e imparando attraverso la riflessione e la collaborazione.

Gli studenti, partecipando a compiti di realtà, sono incoraggiati a sviluppare creatività, pensiero divergente e capacità di lavorare in team: le soft skill necessarie a rispondere al mercato del lavoro odierno.

Manuale 2: In questo manuale è possibile imparare come usare alcuni semplici editor online per programmare e interagire con il mondo esterno con piccoli sensori e schedine programmabili. Verrà fatta un’introduzione sulle schedine programmabili e gli editor di programmazione che si possono usare (Scratch, Snap4Arduino e MakeCode). Vi è inoltre una breve panoramica sui sensori utilizzabili per interagire con il mondo esterno e per monitorare quindi un determinato parametro.

Infine vi è un capitolo, in cui vengono presentate alcune sfide di progettazione guidate con diversi livelli di difficoltà e diversi programmi hardware e software da utilizzare. Ogni Design Challenge è presentata come una sfida da risolvere con la classe, utilizzando alcune metodologie didattiche: 4 P (Play, Passion, Peer and Project); PBL (Project Based Learning); Flipped Classroom.

Per aver un supporto tecnico, maggiori informazioni o inviare il file del Souvenir potete scrivere alla seguente mail: michelabogliolo@scuoladirobotica.it

Per scaricare il Manuale 2 compila il modulo qui sotto

BUON LAVORO!

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
Linkedin

ARTICOLI CORRELATI

Cooperative learning

PERCHÈ LAVORARE IN GRUPPO?

Apprendimento collaborativo e cooperativo secondo l’UNESCO “L’apprendimento collaborativo è un processo attraverso il quale i discenti (con vari tipi di performance) lavorano insieme in piccoli

LEGGI TUTTO »
Biblioteca Sostenibile

LO SPETTACOLO DELLA FISICA

«Lo spettacolo della fisica», pubblicato a marzo 2021 dalla casa editrice Dedalo, è stato scritto da Federico Benuzzi. Nella presentazione del suo blog, www.federicobenuzzi.com, Benuzzi dice

LEGGI TUTTO »
Biblioteca Sostenibile

QUANTI E MISTERI

«Quanti e misteri» è stato pubblicato ad aprile 2021 dalla casa editrice Scienza Express nella collana Scienza Junior. Gli autori sono Riccardo Bosisio, Tommaso Corti,

LEGGI TUTTO »