Hackathon “HACK FOR THE PLANET
Sono aperte le iscrizioni

CITTÀ E COMUNITÀ SOSTENIBILI

Gianluca Pedemonte di Scuola di Robotica intervista Simone Lunghi, conosciuto come l’Angelo dei Navigli, che racconta la sua esperienza sui Navigli milanesi.

Simone è stato atleta della nazionale italiana di canoa fluviale. Insegna canoa a ragazzi e adulti sui navigli di Milano. Ha appreso sin da quando era piccolo limportanza di prendersi cura del territorio, si è innamorato dei navigli milanesi dove, contrariamente a quanto comunemente si crede, l’acqua è trasparente e possiede un elevato grado di balneabilità. Ha trasmesso questo amore per i navigli ai ragazzi e alle scolaresche, insieme ai ragazzi raccoglie gli oggetti che persone poco civili gettano in acqua: bottiglie, peluche, copri-cerchioni delle auto, carrelli della spesa, biciclette, telefonini.

Ha fondato l’associazione Angeli dei Navigli, la cui missione è mantenere puliti i canali meneghini, rimuovendo l’inquinamento galleggiante e gli oggetti sul fondale.

Simone racconta di quando un giorno ha trovato nelle acque del Naviglio Grande 14 biciclette Mobike. Insieme a un ragazzo le ha recuperate. Quello stesso ragazzo, innamorato delle bici, meccanico e con conoscenze di elettronica, è stato assunto dall’azienda e nel giro di tre anni è divenuto prima responsabile della manutenzione e poi del magazzino delle bici in tutta Europa e ha realizzato una App per gestire le attività di manutenzione.

Pagaiando con i ragazzini, insegna loro cosa hanno rappresentato per Milano i navigli, che per sei secoli hanno costituito l’infrastruttura di trasporto indispensabile per trasportare i materiali per la costruzione dei palazzi e le merci sia in ingresso e sia in uscita dalla città, convogliate  lungo il Naviglio grande,  il fiume Ticino e il Po  verso Venezia e da lì inviate in tutto il mondo. I navigli sono stati per Milano il biglietto vincente della lotteria nei vari secoli, prima per difendersi da Federico Barbarossa, poi per irrigare i campi per l’agricoltura e infine come vie d’acqua navigabili.

La diffusione della conoscenza dei navigli e della loro storia crea un legame di comunità, la comunità scopre di essere tale. Nel tempo, si è creato un legame con la politica locale, che a sua volta si è resa parte attiva nel coinvolgere e stimolare i cittadini del quartiere che abbraccia il naviglio nel quale Simone opera ad apprezzarne l’attività di difesa e conoscenza del territorio.

Questo e altro nel video dell’intervista, che, sia pur nello specifico contesto, assume il significato di un manifesto per la difesa dell’ambiente e del territorio, che dobbiamo tutelare come un bene di noi tutti e quindi anche nostro.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

ARTICOLI CORRELATI

Agenda 2030

VERSO LA TRANSIZIONE ECOLOGICA

Come riportato da ASVIS, l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile rappresenta “un piano d’azione per le persone, il Pianeta e la prosperità. È stata sottoscritta

LEGGI TUTTO »
Agenda 2030

RiqualificaMI

La classe 5D del Liceo Scientifico “A. Volta” di Milano, con la guida della Prof.ssa Eleonora Monico, ha realizzato il progetto “RiqualificaMI”, che ha vinto il “premio per

LEGGI TUTTO »