CONCORSO “CALL TO ACTION PER LA SOSTENIBILITÀ 2022”
Partecipate entro le 15:00 del 30 Aprile 2022

CITTADINANZA CONSAPEVOLE

di Deborah Ellis – Ed. best BUR

Trama
La vicenda narrata si svolge nell’Afghanistan di dominazione talebana, durante la quale vive Parvana, una bambina di 11 anni, con la sua famiglia. Nel corso della storia l’autrice rivela al lettore gli orrori e le difficoltà che sconvolgono il paese e la capitale Kabul, in cui la famiglia vive, e che spesso e volentieri sono omesse nei resoconti giornalistici.

Temi principali
La narrazione tocca perfettamente molti dei temi facenti purtroppo parte della nostra realtà e che non possono essere ignorati, come la condizione della donna, il problema della fame e quello dell’istruzione per tutti.
Riteniamo che questo libro possa essere una lettura istruttiva e coinvolgente soprattutto alla luce degli obiettivi dell’Agenda 2030 promossa dall’ONU, in quanto nei 17 obiettivi sono compresi vari problemi, alcuni dei quali ampiamente trattati nel romanzo.
Tra questi, abbiamo selezionato i seguenti:
1. sconfiggere la povertà
2. sconfiggere la fame
3. salute e benessere
4. istruzione di qualità
5. parità di genere
6. acqua pulita e servizi igienico-sanitari
10. ridurre le disuguaglianze
16. pace, giustizie e istituzioni solide


Parità di genere e istruzione di qualità (obiettivi n° 5 e 4)
Soprattutto in paesi più sviluppati come l’Italia, spesso diamo per scontate molte cose che poi non lo sono per nulla in altri posti, anzi a volte quasi le disprezziamo, ad esempio lamentandoci della fatica dell’andare a scuola, e non ci rendiamo conto che in altre parti del mondo molti bambini e giovani soffrono per l’impossibilità di ricevere un’istruzione.
Un altro tema è quello della parità di genere (obiettivo numero 5 dell’agenda), largamente discusso nel corso della vicenda; nei paesi orientali è ancora in uso che la donna sia sottomessa all’autorità del padre e poi a quella del marito. Nel particolare caso di questo racconto, sotto la dominazione talebana alle donne non era permesso uscire se non accompagnate dal marito, o almeno con un permesso da lui firmato, e soprattutto era necessario che indossassero sempre il burqa, il caratteristico velo da cui traspaiono solo gli occhi. Non era consentito loro andare a scuola, e inoltre, sempre riguardante l’autonomia del genere femminile, non vi era la libertà di sposarsi per amore, anzi i matrimoni avvenivano per convenienza e i due futuri coniugi erano designati in un accordo tra i genitori delle due famiglie.

Sconfiggere la povertà e sconfiggere la fame (obiettivi n° 1 e 2)
Tra le più grandi tematiche che vengono trattate nel libro c’è proprio quella della povertà, aspetto molto importante, non a caso riportato nel primissimo obiettivo dell’Agenda ONU 2030. La quantità di denaro posseduta, infatti, determina inevitabilmente la qualità della vita. Tuttavia la povertà non è solo questo: è la mancanza dell’indispensabile per la sopravvivenza. Non si parla solo di mancanza di soldi, ma anche di cibo, acqua, salute, igiene, abitazioni ecc.

Notizie sull’Autrice

Deborah Ellis è nata a Cochrane, in Ontario, nel 1960.
È sempre stata una grande attivista per la pace e per i diritti umani, infatti nel 1997 ha lavorato in Afghanistan, prestando aiuto nei campi profughi. Da queste esperienze si ispira nella scrittura del romanzo “Sotto il burqa”, incentrato sulla figura di Parvana, giovane ragazza nell’Afghanistan dei talebani, e del suo viaggio per ritrovare la famiglia in un paese lacerato da guerra, violenza e miseria. Questo romanzo è primo di una quadrilogia, che si conclude con “Il mio nome è Parvana”, e che la porterà a vincere nel 2002 il Premio Andersen.
Insignita di altissimi riconoscimenti in patria, Deborah Ellis è una grande filantropa: è infatti solita devolvere somme in beneficenza a organizzazioni come UNICEF e Women for Women in Afghanistan. È considerata una delle più celebri autrici per ragazzi al mondo. Al momento lavora a Toronto (Canada) e fa l’assistente sociale per un gruppo di sostegno per donne con problemi di salute mentale.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

ARTICOLI CORRELATI

Biblioteca Sostenibile

LA NUOVA MANOMISSIONE DELLE PAROLE

Condividiamo la recensione di Rita Bramante su “La nuova manomissione delle parole” di Gianrico Carofiglio, pubblicato il 22.12.2021 sulla rivista education 2.0

LEGGI TUTTO »
Biblioteca Sostenibile

SCONFITTI

di Corrado Stajano – Edizione  Il Saggiatore Milano, primavera 2020, imprigionato dal lockdown nella sua casa, attento alle immagini e ai suoni di desolazione che gli

LEGGI TUTTO »
Comunicazione scientifica

UN VACCINO CONTRO L’INFODEMIA

Condividiamo l’articolo “Un vaccino contro l’infodemia” di Rita Bramante, pubblicato il 27.10.2021 sulla rivista education 2.0

LEGGI TUTTO »
Parola Chiave

RISPETTO

RISPETTO – IL TEMA DELLE ATTIVITÀ DELLA COMMUNITY SECONDO BIMESTRE: DICEMBRE 2021 – GENNAIO 2022 LE ATTIVITÀ DEVONO ESSERE CONSEGNATE ENTRO LE ORE 17.00 DEL

LEGGI TUTTO »
Agenda 2030

WEBINAR – LA FAVOLA DEI 17 EROI

Catherine Roblin – Project Manager di Geomag Education, Ivana Delena – Marketing Operativo Geomagworld e Chiara Beretta – Marketing e Comunicazione Redooc.com presentano la favola

LEGGI TUTTO »